Decostruendo il gameplay: la meccanica del divertimento in D&D

(warning: Questo è stato un post molto difficile da scrivere, perché mi sono trovato a dover esporre in modo organico una serie di idee che mi ronzavano in testa da tempo, e non è stato facile. Spero non risulti confuso.)

Una argomentazione che incontro di frequente discutendo sui forum dell’Internet è che “non è vero che D&D è molto focalizzato sul combattimento”, opinione che viene giustificata in modo vario.

Io invece sostengo che D&D sia *parecchio* centrato sul combattimento. I tre “pillars of adventure” (esplorazione, interazione sociale e combattimento) menzionati nel manuale di D&D 5E sono ben lontani dall’avere uguale spazio nel regolamento.

Una domanda semplice

Iniziamo facendoci una domanda.

Dov’è il gameplay in D&D?

Con gameplay intendo il “giocare il gioco”: come il giocatore interagisce con il gioco. Insomma, cos’è che fa il giocatore quando sta giocando al gioco. In genere c’è tanto più gameplay quanto più il giocatore deve “mettere del suo” nel gioco, es. quando ci sono scelte significative da fare o una strategia da decidere – e sono le scelte che deve compiere il giocatore a discriminare tra il giocare “bene” e il giocare “male”.

Per esempio, un gioco abbastanza semplice che immagino che un po’ tutti abbiano presente è battaglia navale. Ecco, il gameplay in battaglia navale ha due componenti: 1) decidere dove porre le proprie navi sulla griglia, e 2) decidere quali punti della griglia dell’avversario si vuole bombardare. Niente di astruso insomma, è solo un nome per riferirsi ad una cosa che tutti abbiamo presente.

I tre pilastri

Bene. Adesso che ci siamo accordati su cosa intendo con gameplay, andiamo a vedere dov’è il gameplay in D&D. Mi riferirò prevalentemente alla quinta edizione di D&D, dato che è la più recente ed è quella che sto giocando.

In D&D 5E le regole per le interazioni sociali sono esposte in una pagina e mezzo. In pratica, il manuale dice che alcuni GM scelgono di gestire la cosa in modo freeform (≈ senza tirare dadi); altrimenti, l’interazione viene risolta con qualche tiro di dado. Il momento centrale di quest’ultimo sistema è una prova di Carisma, che può essere più o meno difficile a seconda di vari fattori (principalmente l’atteggiamento del PNG).

Passiamo alle regole sull’esplorazione. Si può distinguere l’esplorazione su piccola scala (es. cercare una stanza, esplorare un dungeon etc) da quella su larga scala (viaggio, esplorazione di territori vasti). Qui le regole sono un po’ più dettagliate, ma in molti casi si risolvono con qualche tiro di dado, con poche scelte significative (la cosa è più complessa in realtà: ci tornerò dopo). Una di queste scelte per esempio è la decisione del travel pace nell’ambito dell’esplorazione su larga scala – si può scegliere un travel pace veloce, normale o lento, ed ognuno di questi ha pro e contro.

Le regole per il combattimento sono le più dettagliate. Questo “pilastro” prevede una risoluzione incredibilmente più complicata rispetto agli altri due, con un sacco di occasioni per scelte significative.

Ed infatti è proprio nel combattimento che risiede la maggior parte del gameplay, e dunque del divertimento.

Combattimento vs Interazione Sociale

Facciamo un passo indietro.

Se il combattimento avesse esattamente lo stesso peso meccanico che hanno le interazioni sociali, sarebbe risolto con un tiro di dado. “Ok, fammi una prova di Forza (Combattere) con CD 20. Hai fatto 23? superata! Hai sconfitto il nemico!”. Tra parentesi, questo è più o meno come si svolge il combattimento in Tunnels & Trolls, uno dei primi giochi di ruolo dopo D&D. Dove sarebbe il gameplay in questo caso?

Non ci sarebbe.

Non ci sarebbe alcuna scelta significativa da fare, né alcuna risorsa da gestire. Questo perché se astrai troppo, risolvendo situazioni complesse con uno o pochi tiri di dado, rimuovi gameplay.

Questo è illustrato molto bene da quello che è successo con l’abilità Cercare. In OD&D non c’era alcuna abilità “Cercare”. Se volevano esplorare una stanza, I giocatori dovevano descrivere dove i loro personaggi cercavano, e come intendevano farlo (vedi A Primer for Old School Gaming, Tao of the GM: The Way of the Moose Head, pag. 6). In questo approccio, se il personaggio guarda nel posto giusto, trova quello che c’è da trovare. Questo è tutto gameplay: quando cerca nella stanza, il giocatore sta giocando.

D&D 3.x ha introdotto la comoda abilità Cercare, che ha completamente rimosso questa parte del gioco, e dunque tutto quel gameplay. Una parte dell’esplorazione su piccola scala in quella edizione viene astratta in un tiro di dado.

Chiarito il concetto, torniamo al combattimento in D&D 5E. Qui c’è un sacco di gameplay. Per caso il giocatore fa un tiro di Intelligenza (Arcana) per stabilire qual’è l’incantesimo migliore da lanciare in combattimento? No. È il giocatore che decide quando e come lanciare gli incantesimi. Questo è gameplay. Per caso il guerriero fa un tiro di Intelligenza (Tattica) per stabilire qual è la posizione più vantaggiosa, o la manovra più efficace? No. È il giocatore che stabilisce queste cose: gameplay. Potrei continuare.

Stando così le cose, non si può sostenere che l’interazione sociale abbia lo stesso spazio di gameplay del combattimento, dato che la prima è gestita sostanzialmente con un tiro di dado. Un personaggio non tira l’abilità Combattere per decidere la tattica migliore in combattimento, ma tira Persuasion (o Deception, o Intimidation o quello che è) per astrarre la decisione di cosa è meglio dire in un incontro sociale. Non c’è assolutamente lo stesso gameplay. Naturalmente uno può rispondermi che gli va benissimo così, e che preferisce gestire le cose in questo modo (sistema complesso per il combattimento, interazione sociale col tiro o freeform). Ed è super ok. Però non è che D&D smette di essere focalizzato sul combattimento.

Tra parentesi, in D&D 5E l’interazione sociale è gestita in modo più sano e con maggiore gameplay che in D&D 3.x, dove Diplomacy era praticamente una forma di controllo mentale, ma non è comunque un meccanismo che soddisfi pienamente. Notare che ci sono giochi in cui l’interazione sociale è gestita con un livello di tattica comparabile a quello che c’è in combattimento (es Burning Wheel ha Duel of Wits; GURPS ha un intero sourcebook dedicato a questo argomento, GURPS Social Engineering).

Il problema dell’interazione freeform

Prima accennavo al fatto che il manuale suggerisce che l’interazione sociale possa essere gestita dal DM in modo freeform. In questo caso, ci può essere del solido gameplay. Se io, giocatore, sto parlando come parlerebbe il mio personaggio per convincere le guardie a non arrestarmi, sto interagendo col gioco. È il giocatore che decide *cosa* dire a quelle guardie. Il problema di questo approccio – e il motivo per cui alla fine della fiera è una buona idea avere delle meccaniche per gestire queste cose – sorge quando il giocatore potrebbe desiderare di voler interpretare un personaggio molto persuasivo e carismatico… ma il giocatore non è affatto persuasivo e carismatico. Questa discrepanza esistente tra giocatore e personaggio è uno dei motivi per cui può essere conveniente accettare il costo di rimuovere o ridurre il gameplay per guadagnarci qualcos’altro. È il caso di Cercare che è passato dall’essere un’area in cui l’astuzia e l’inventiva del giocatore era fondamentale, ad essere un tiro di dado – il costo è stato la rimozione di quella parte di gameplay, ma il guadagno è stato 1) la rapidità con cui un tiro di dado risolve la situazione 2) il disaccoppiamento tra giocatore e personaggio.

Tuttavia, se io sviluppo un sistema di social combat simile a quello di Burning Wheel, risolvo questo problema (almeno nell’ambito delle interazioni sociali) senza compromettere troppo il gameplay. Se il sistema di “combattimento sociale” ha lo stesso livello di dettaglio del combattimento “fisico”, permettendo di far entrare in gioco la strategia del giocatore, riesco a disaccoppiare giocatore e personaggio senza compromettere troppo il gameplay, e posso permettere ad un giocatore di specializzarsi nelle interazioni sociali come un personaggio può specializzarsi in combattimento.

Un difetto di quest’ultimo approccio emerge quando si aggiunge *troppo* gameplay per un personaggio solo. Questa è una cosa che si vede per esempio in Shadowrun, che ha sottosistemi complessi e dettagliati per le varie aree del gioco. I decker (in pratica, gli hacker) hanno il loro sottosistema per penetrare nei sistemi informatici interfacciandosi con essi tramite una realtà virtuale. Il risultato è che mentre il decker è a esplorare il suo dungeon personale, gli altri personaggi stanno lì a girarsi i pollici – e quando gli altri personaggi sono a riempire di piombo la gente, il decker è a girarsi i pollici. Questo comunque non è un grosso problema per l’interazione sociale: mentre solo alcuni personaggi in Shadowrun possono interfacciarsi con la Matrix, tutti i personaggi sanno parlare e dunque possono prendere parte ad uno scontro sociale, esattamente come tutti i personaggi possono prendere parte ad un combattimento.

Ora vediamo l’esplorazione.

Una certa parte di gameplay in D&D può trovarsi nell’esplorazione su piccola scala, anche se risulta inferiore rispetto al combattimento (cfr con Torchbearer, un gioco molto focalizzato sull’esplorazione, dove il combattimento è astratto). Abbiamo già parlato dell’astrazione di una parte di questo gameplay in un tiro di dado (l’abilità Cercare o simili). Il motivo per cui questa scelta non ha portato ad una perdita drammatica di gameplay è che nell’esplorazione su piccola scala rimangono comunque un discreto numero di opportunità di gioco, prevalentemente sotto forma di incantesimi. Per esempio, un Druido che si trasforma in un topo al fine di esplorare una parte del tempio sta facendo del gameplay. Idem quando il Mago lancia Porta Dimensionale per superare il crepaccio, o diventa Invisibile per superare le guardie non visto. Il giocatore ha dato un’occhiata alle risorse a sua disposizione e ne ha scelta una che gli risolvesse il problema – non ha fatto un tiro di Intelligenza (Esplorare) per decidere quale metodo di esplorazione fosse migliore. Non è comparabile al combattimento, ma è certamente più gameplay delle interazioni sociali. Il problema più che altro è che questo gameplay è riservato principalmente ai caster.

L’esplorazione su larga scala invece ha regole inadeguate, e in generale lì non c’è molto gameplay. Quando il mago acquisisce incantesimi di teletrasporto, questa parte di gameplay viene quasi del tutto rimossa. È come se a un certo punto il mago prendesse un incantesimo tipo Vincere il Combattimento.

Riassumendo

Facendo una tabellina riassuntiva, schematizzerei il tutto così:

Area Gameplay
Combattimento ★★★★★
Interazione sociale ★☆☆☆☆
Esplorazione ★★★☆☆

Ora, stando così le cose, mi sembra che in D&D 5E sia più utile parlare di gameplay in combattimento (GiC) e gameplay fuori dal combattimento (GfC) piuttosto che di tre pilastri a cui in realtà è dato uno spazio molto diverso. C’è del solido GfC in D&D 5E, ma non ha la stessa importanza del GiC (sebbene nel complesso la trovi un’edizione più equilibrata delle ultime due). Questo è supportato anche dal fatto che se uno va a vedere tutte le capacità delle varie classi, gran parte di queste è riconducibile al GiCLe capacità dei personaggi che più di tutte producono GfC sono gli incantesimi, che comunque sono anch’essi in gran parte orientati al combattimento.

La seconda fonte di gameplay

A proposito delle capacità dei personaggi, c’è un’altra area in cui c’è un sacco di gameplay e che D&D fa molto bene, ma di cui non abbiamo ancora parlato: l’incremento di potere.

In D&D si comincia al primo livello ammazzando i topi nel seminterrato. Dopo qualche combattimento, si sale di livello e si acquisisce qualche capacità in più, con cui si può combattere più efficacemente. E questo consente di salire ancora di livello, e di prendere cose nuove. E questo succede ancora, e ancora, e ancora… in un ciclo che si autosostiene e che termina con i personaggi che diventano supereroi in grado di alterare la realtàrichiedere l’aiuto di una divinità, e le cui azioni possono influenzare il destino del mondo o del multiverso. In altre parole, c’è una enorme escursione di potere tra un personaggio di 1° livello ed uno di 20°.

Qui c’è un notevole potenziale di gameplay. Questa forma di gameplay è una delle caratteristiche prominenti di D&D 3.x e Pathfinder, dove la costruzione del personaggio è una componente importante del gioco; e per certi versi è ancora più divertente del gioco stesso (andiamo, non posso essere l’unico a pensarlo!). Tuttavia, è una caratteristica che accomuna quasi tutte le edizioni di D&D. Qui le scelte significative per il giocatore avvengono a livello di metagaming, ma sono sempre gameplay. Ehi! Sono salito di livello. Avanzo nella mia classe? Oppure prendo un livello multiclasse, per combinare il potere X con il potere Y? Prendo questo incantesimo o quest’altro? Prendo questo talento o quest’altro? Come voglio costruire la build?

L’esperienza di ciascuno è il tesoro di tutti

E tornando al focus di D&D sul combattimento, qual è il principale fattore che determina l’avanzamento di livello?

Il combattimento. E giusto per mettere le cose in chiaro:

Experience points (XP) fuel level advancement for player characters and are most often the reward for completing combat encounters.

Nelle prime edizioni di D&D, erano due le fonti di punti esperienza: il tesoro ed in minor parte il combattimento. Sì, recuperare tesoro ti dava più esperienza che ammazzare i mostri. E questo incoraggiava a giocare con astuzia, cercando di evitare gli scontri inutili. Nelle edizioni successive il tesoro è stato rimosso come fonte di esperienza, e il combattimento è divenuto il principale carburante per l’acquisizione di livelli. Questo fa sì che le due fonti di gameplay (combattimento e incremento di potere) siano in sinergia tra loro (e incidentalmente supporta la tesi che D&D sia un gioco focalizzato sul combattimento).

Conclusioni

Per divertirsi, il giocatore ha bisogno che ci sia gameplay. Posso immaginare di astrarre completamente tutta un’avventura con il tiro di una abilità Andare All’Avventura. O astrarre la risoluzione di qualunque problema e ostacolo con un tiro di Risolvere Problemi. In un gioco come D&D non sarebbe molto divertente, no? Sarebbe divertente solo se avessi un’altra fonte di gameplay. Per esempio, se volessi creare un gioco di ruolo focalizzato su ciò che fanno gli avventurieri nel loro tempo libero, avrebbe senso avere l’abilità Andare all’Avventura. Il tiro servirebbe per ottenere risorse da investire nella fase tra un’avventura e l’altra, che avrebbe regole molto dettagliate per es. il lavoro, la famiglia, i rapporti sociali dei personaggi etc, e che fornirebbero il gameplay. (Notare che se siete tra quelli per cui la principale attrattiva del gdr è raccontare una storia interessante, che ci sia gameplay o meno per voi è probabilmente irrilevante: a tutti gli effetti, non state affatto giocando ad un gioco)

In D&D, il gameplay proviene principalmente da due fonti: il combattimento, e l’incremento di potere. D&D non ha bisogno di gameplay nelle interazioni sociali, perché il gameplay è altrove.

Questo non fa di D&D un pessimo gioco. Lo rende un gioco dove il combattimento è importante, e non c’è niente di male in questo. Insomma: va tutto bene, gente. Ammettere che D&D è focalizzato sul combattimento è OK. La prossima volta che qualcuno cerca di farla passare una critica, spiegateli dove sta il gameplay in D&D.

 

 

Advertisements

4 thoughts on “Decostruendo il gameplay: la meccanica del divertimento in D&D

  1. Bell’articolo ma cosi hai appena descritto il 90% dei giochi tradizionali che hanno il sotto-sistema di combattimento anche se non era il loro fulcro ahhah invece cosa ne pensi di Dungeon World e altri giochi By powered apocalise e del FATE ?Invece conosci 1300?

    Like

    1. E infatti la gran parte dei giochi tradizionali ricalcano la struttura di base di D&D. Credo comunque che D&D sia il gioco che esprime al massimo l’aspetto di giocabilita’ del combattimento. I giochi pbta ovviamente non rientrano in questo schema, in quanto in quei giochi non c’e’ nessun gioco da giocare – la priorita’ e’ evidentemente la storia. Per FATE si puo’ dire piu’ o meno la stessa cosa, ma l’economia dei fate point lo rende piu’ “giocabile” dei pbta. 1300 lo conoscevo da quando l’autore ne parlava sui forum, ma non ho mai giocato alla versione “definitiva” perche’ non vivo piu’ in Italia e ho difficolta’ a procurarmi giochi usciti in italiano 🙂

      Liked by 1 person

      1. Permettimi un appunto. Esistono vari GDR molto più adatti a simulare combattimenti emozionanti, coinvolgenti e che ti permettano una immedesimazione maggiore. I nostri Destino Oscuro, Musha Shugyo e soprattutto Darkmoor sono fatti proprio per quello e fidati che non c’è paragone con il livello di immersione e adrenalina ludica che puoi raggiungere. Perché invece di privilegiare la storia o semplicemente le meccaniche, privilegiano procedure e meccaniche di immedesimazione oltre che di spettacolarità scenica.
        In questi giochi, dire “attacco”, “paro”, “lancio la magia X” non significa niente. Puoi invece sbizzarriti a VEDERE che attacchi fai, con riscontri meccanici oggettivi ma per niente pesanti, anzi. Molto più leggeri di vecchi giochi tradizionali.

        Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s