Tecniche GM: scene framing

Lo scene framing è una tecnica che è virtualmente impossibile non usare in un gioco di ruolo, specialmente se si ricopre il ruolo di GM; per cui, se avete fatto il GM almeno una volta, l’avete certamente utilizzata, anche se è la prima volta che sentite questo termine. In effetti, lo scene framing è talmente intrinseco al gioco di ruolo che si potrebbe discutere se si tratti di una tecnica o di parte integrante del giocare di ruolo.

Però un conto è usarlo, un conto è usarlo bene.

Cos’è lo scene framing

Scene framing significa, letteralmente, inquadramento della scena. Lo scene framing è, in parole povere, quando mettete uno o più personaggi in una certa situazione. Per esempio, prendiamo l’inizio di campagna D&D più classico e (ab)usato:

Siete nella Taverna del Grande Goblin Gigante…

Ecco, fermi. È questo. Avete appena inquadrato la scena, anche se non ve ne eravate nemmeno accorti. Gli elementi assolutamente fondamentali per inquadrare una scena infatti sono due:

  1. chi c’è;
  2. dove siamo.

E qui infatti abbiamo entrambi gli elementi: quel “siete” fa capire ai giocatori che tutti i personaggi sono presenti, e il “dove” è la taverna.

Una cosa che dovrei aggiungere a questo punto è che nei giochi tradizionali classicamente è il GM che inquadra le scene; tuttavia, non è detto che debba fare tutto da solo. Per esempio, quando il GM passa da un giocatore all’altro e chiede “E mentre succede questo tu dove sei? Chi c’è con te?” si sta facendo aiutare dal giocatore nell’inquadramento della scena. Idem quando il GM descrive una situazione e chiede al giocatore “come sei finito qui?”. I giochi non tradizionali spesso hanno regole proprie per gestire lo scene framing, ed è difficile fare discorsi generali; per esempio, in alcuni di questi giochi il concetto di scena è presente in modo esplicito nelle regole, ed alcuni giochi richiedono di decidere espressamente di cosa parlerà la scena, dove si svolge, chi è presente etc – e non è sempre il GM a decidere; talvolta le varie decisioni sono affidati a giocatori differenti. Affronterò l’argomento dalla prospettiva di un gioco tradizionale sia per semplicità, sia perché lo scene framing come viene impostato da alcuni giochi non tradizionali tende a non piacermi.

Torniamo a noi. Abbiamo detto che il minimo sindacale per inquadrare una scena è il “chi” e il “dove”; tuttavia, quasi mai lo scene framing consiste soltanto nel dire chi c’è e dove siamo. Riprendendo l’esempio di cui sopra, il GM potrebbe dire:

Siete nella Taverna del Grande Goblin Gigante e state bevendo un bel boccale di idromele. Nella Taverna c’è qualche avventore, ma tra chi sbadiglia e chi chiacchiera a bassa voce con il vicino di tavolo, l’atmosfera è parecchio rilassata. Che fate?

ma potrebbe anche dire…

Siete nella Taverna del Grande Goblin Gigante e la Taverna sta andando a fuoco! Intorno a voi è il caos: fumo, urla, rumore di vetri infranti, tavoli rovesciati, gente che corre, frecce che saettano da tutte le parti. Fuori sentite rumore di combattimento. Che diavolo fate?

Qual’è la differenze tra queste due scene?

La prima pone i personaggi in una situazione tranquilla, dove non sta succedendo niente di particolare. Non è richiesta alcuna azione immediata; se i personaggi non fanno qualcosa di attivo per far andare avanti gli eventi in gioco in una direzione interessante, di per sé non succede niente – almeno sul base del contesto descritto nello scene framing iniziale.

Nella seconda scena è vero il contrario: pone i personaggi in mezzo ad una situazione tesa, pericolosa, che richiede azioni e decisioni immediate. I personaggi non possono ignorare la situazione in atto; e se non fanno niente, ci sono tutte le premesse perché succeda qualcosa di brutto.

Quindi, il terzo elemento che è generalmente presente quando si inquadrano le scene è il “che cosa sta succedendo?. E a seconda della risposta a questa domanda, lo scene framing può essere modulato da situazioni molto blande e tranquille a situazioni estremamente tese. Insomma, il GM, nell’inquadrare le scene, può essere più o meno aggressivo nel tipo di situazioni che vengono presentate (si parla proprio di aggressive (o hard) scene framing).

Come usarlo

Se è vero che tutti i GM usano questa tecnica, consapevolmente o meno, è altrettanto vero che gestire lo scene framing efficacemente non è facile. Questa non sarà una vera e propria guida su come usare bene questa tecnica, perché penso che non sia qualcosa che si possa realmente insegnare. Si impara con l’esperienza.

Lo scene framing può essere innanzi tutto utilizzato per gestire il ritmo di gioco. Per esempio,  è quasi sempre una buona idea usare lo scene framing per tagliare i tempi morti. Usare lo scene framing in questo modo è importantissimo in un one shot, dove il tempo è limitato; direi comunque che si tratta di un uso quasi sempre appropriato, in qualunque gioco.  I tempi morti sono quelli dove non succede niente di interessante, o quello che succede comunque non è il focus del gioco. Dunque, invece che narrare “live” ogni singolo momento di gioco, si passa direttamente alle parti interessanti. Esempio:

Giocatori: “Saliamo a bordo dell’astronave e ci rechiamo su quel pianeta che non compare sulla mappa stellare della Federazione, ma di cui abbiamo ottenuto le coordinate.”

GM: “Ci siete. Uscite dal tunnel dell’Iperspazio, e davanti a voi vedete il piccolo pianeta, la cui atmosfera ha un colore verdastro. Siete atterrati.”

Altro esempio:

Giocatore: “Voglio andare ad uccidere Lord Karlowe. Aspetto la notte e poi cerco di infiltrarmi nel palazzo.”

GM: “Fammi una prova di Stealth… riuscita? Bene. Sei riuscito a insinuarti nel palazzo non visto. Hai attraversato in perfetto silenzio le sale deserte del palazzo, avvolte nell’ombra, e adesso sei davanti alla sua stanza. Ci sono due guardie davanti. Che fai?”

Se non ci sono ostacoli tra i PG e il loro obiettivo, qui ha senso passare semplicemente alla scena successiva. La logica di fondo è cercare di passare direttamente all’azione, o comunque alle parti interessanti del gioco, il più rapidamente possibile. Purtroppo, vedo un sacco di GM che non riescono a farlo. Questo generalmente succede quando i giocatori fanno qualcosa di imprevisto o che il GM è restio a far accadere: quindi temporeggia, tergiversa, e non passa efficacemente alla scena successiva. E così abbiamo magari viaggi che sarebbero dovuti durare 30 secondi che invece durano 2-3 sessioni semplicemente perché il GM è restio a far arrivare i giocatori a destinazione, o è restio a mettere i personaggi di fronte a certe situazioni perché gli rovinano le uova nel paniere. Il mio consiglio spassionato qui è: let it go, lasciate correre. Distaccatevi. Liberatevi dalla tentazione di mantenere lo status quo. Smettete di voler controllare il destino dei PNG e dell’ambientazione. Non abbiate paura del personaggio che vuole uccidere un PNG importante, o viaggiare verso un luogo a cui non avevate pensato. Cercate di risolvere la cosa come dei referenti imparziali. Limitatevi a guardare che succede, lasciate che le cose abbiano il loro corso.

Lo scene framing è estremamente utile anche in queste situazioni:

  •  quando vi sembra che il gioco si stia ammosciando, e sentite che è il momento di far succede qualcosa;
  • quando volete aumentare la tensione del gioco;
  • quando sentite che il fallimento di una prova (o equivalente, a seconda del gdr a cui state giocando) dovrebbe mettere il personaggio in una brutta situazione.

In tutti questi casi, diventa importante modulare l’aggressività della scena.

Giocatore: “Vado al mercato a rivendere il bottino che abbiamo trovato nel dungeon.”

Scene framing non aggressivo: “Ok. Sei al mercato e stai camminando tra i banchi. Trovi un mercante, e ora sei davanti a lui. Cosa vuoi vendergli?” (oppure: “Ok, vendi tutto per 700 monete imperiali. <passa alla scena successiva>”)

Scene framing un pochino più aggressivo: “Ok. Sei al mercato e stai camminando tra i banchi, quando vedi un tizio che da un vicolo buio ti fa insistentemente cenno di avvicinarti. Che fai?”

Scene framing aggressivo: “Ok. Sei al mercato e stai camminando tra i banchi, quando ad un certo punto senti una mano premerti violentemente sulla bocca. Vieni strattonato e trascinato in un vicolo, e prima che tu possa reagire ti buttano malamente a terra, in mezzo a fango e sudiciume. Intorno a te ci sono 4 uomini dalle facce truci, e hanno in mano dei coltelli. Che fai?”

Ho fatto diversi esempi di scene framing, da quello più passivo a quello più aggressivo.

Una scena è tanto più aggressiva quanto più essa è “non ignorabile”. Non ignorabile vuol dire che la scena richiede azioni o decisioni rapide dai giocatori. Essere aggressivi vuol dire descrivere roba concreta che sta accadendo, e sta accadendo ORA, e continua ad accadere mentre parliamo, e c’è bisogno di fare qualcosa perché se la situazione viene lasciata a sé stessa saranno c*zzi amari. Pensate ad un problema, ad un conflitto o ad un avvenimento che abbia la capacità di scuotere il piccolo mondo del giocatore.

Ovviamente quando si ha l’impressione che debba succedere qualcosa o si vuole movimentare il gioco, inquadrare la scena in modo troppo passivo è indesiderabile, in quanto di fatto non aumenta la tensione. D’altra parte, uno scene framing molto aggressivo è delicato da gestire. Qui è difficile dare consigli generali. Dipende molto dalla sensibilità e dallo stile del GM, dal gioco a cui si sta giocando, e dai vostri giocatori.

In generale, uno scene framing troppo aggressivo tende a funzionare male quando non c’è totale fiducia tra giocatori e GM (e ancora meno quando il rapporto è antagonistico). Riesco facilmente a immaginare giocatori che, di fronte alla situazione descritta nella scena più aggressiva, protesterebbero vivacemente (“no, strattonato un corno… appena mi sento tappare la bocca, io faccio una prova di forza per non essere buttato a terra! Ma poi scusa, deve fare una prova di lotta prima di potermi afferrare così!“). Anche il gioco fa molta differenza: in un gioco come Apocalypse World lo scene framing più aggressivo nell’esempio di cui sopra potrebbe funzionare benissimo, mentre trovo che in giochi tradizionali come D&D uno scene framing troppo aggressivo sia percepito da molti giocatori come eccessivamente intrusivo, e per alcuni rovini l’immersione. Credo che in D&D mi fermerei ad uno scene framing moderatamente aggressivo (come nel secondo esempio), o comunque gestirei la situazione in modo un po’ diverso (a meno che non conosca bene i giocatori ed i loro personaggi).

Adesso metto le mani avanti. Alcuni stanno sicuramente preparando commenti indignati: “MA QUESTO È RAILROADING!”.

Risposta: ni.

In breve: il railroading implica rendere irrilevanti le decisioni dei giocatori, mentre lo scene framing aggressivo impone ai giocatori di prendere decisioni.  Il railroading è quando un evento del gioco ha un esito stabilito a priori, a prescindere delle azioni dei giocatori. Un inquadramento di scena aggressivo può essere visto come un kick-starter per qualcosa di interessante: ha lo scopo di mettere il personaggio in una situazione iniziale carica e spronarlo all’azione o a prendere decisioni, senza che questo implichi un outcome predeterminato. Ovviamente, l’inquadramento di una scena *può* essere usato per railroadare i giocatori, ma questo non è automatico. Dipende da come viene applicato.

Detto questo, è vero che iI confine tra un railroad e uno scene framing molto aggressivo può essere sottile e in ultimo soggettivo. E di nuovo, dipende molto dal gruppo e dal gioco.

 Una scena come quella dell’ultimo esempio *a me* andrebbe bene, ma magari per un altro giocatore quella scena sarebbe già oltre.

Continuando a parlare con una prospettiva da giocatore, se il GM aprisse la scena con gli assalitori che mi hanno *già* derubato, e che sono in procinto di fuggire (dandomi dunque la possibilità di inseguirli se lo voglio), per me sarebbe una situazione un po’ al limite, ma tutto sommato sempre accettabile. Magari una scena così non sembrerebbe per niente railroadosa ad un’altra persona.

Prendiamo sempre lo stesso esempio, e supponiamo che il GM descriva il personaggio che viene trascinato in un vicolo, picchiato e derubato, aprendo la scena con i suoi assalitori che sono già scappati, senza possibilità di raggiungerli. Secondo me questo in molte situazioni sarebbe percepito come railroading. Per come la vedo io, non si potrebbe più parlare di scene framing aggressivo, perché il personaggio non viene messo in mezzo ad una situazione tesa ed eccitante – viene semplicemente privato di controllo mentre gli succede una cosa brutta che non può evitare in alcun modo.

In ultimo, si tratta di una questione di sensibilità personale.

In generale, per quanto aggressivo voglia essere, io cerco di evitare di inquadrare scene che presuppongono decisioni significative da parte del giocatore. Per esempio, potrei dire:

“La sera stai rientrando verso il tuo appartamento, quando noti delle persone – cinque o sei – che aspettavano nei pressi del portone. Appena ti vedono, si dirigono verso di te con passo deciso. Sempre camminando, uno tira fuori una pistola e la punta verso di te. Che fai?”

Ma nella maggior parte dei casi eviterei di dire:

“La sera stai rientrando verso il tuo appartamento, quando noti delle persone – cinque o sei – che aspettavano nei pressi del portone. Gli chiedi che c*zzo vogliono, e dopo uno scambio di convenevoli poco piacevoli, l’aria si scalda – uno tira fuori una pistola e la punta verso di te. Che fai?”

perché implica che il personaggio abbia deciso di parlare con i tizi piuttosto che, che ne so, scappare o nascondersi.

Questo esempio evidenzia un altro problema che si può verificare con uno scene framing troppo aggressivo: potrebbe succedere di inserire il personaggio in situazioni che il giocatore ritiene non appropriate, o dare per scontato un corso d’azione che il giocatore ritiene non consono al personaggio.  Per esempio, il GM inquadra la scena con il personaggio che origlia una conversazione tra due criminali mentre si trova in uno strip club – ma il giocatore protesta vivacemente perché il suo personaggio non frequenterebbe mai uno strip club.

Questo problema si crea perché di fatto durante lo scene framing il GM sottrae una parte del controllo al giocatore – cosa che generalmente evito il più possibile. Queste situazioni si evitano conoscendo i personaggi. Possono essere in parte prevenute anche includendo gli input del giocatore nello scene framing (“dove vai di solito quando vuoi bere qualcosa?”; “Dove si trova il tuo personaggio la sera?”). Quando accadono, si dovrebbe consentire al giocatore un’opportunità per aggiustare le cose (“ok; se il tuo personaggio non frequenterebbe mai uno strip club, come mai ci sei?”); altrimenti, se non spezza l’immersione, si dovrebbe aggiustare i dettagli finché tutti sono soddisfatti (“allora non è uno strip club, è un normale bar”). Se il giocatore proprio non è contento, o non si riesce a trovare una soluzione che renda tutti contenti, conviene fermare un attimo il gioco e parlare di quali sono le vostre aspettative reciproche.

Infine, uno scene framing troppo aggressivo ed incalzante può dare al gioco un ritmo troppo frammentato, dove il gioco procede troppo bruscamente da una scena assurda alla successiva, come in un film d’azione di serie B.

Un altro modo per usare l’inquadramento delle scene è per gestire il tempo in game. Avete presente quando un numero incredibile di avvenimenti importanti, che si sviluppano nello spazio di 3-4 sessioni di gioco, in game si concentrano tutti nello spazio di poche ore? A volte questa concentrazione temporale è appropriata, ma altre volte no. Quando non lo è, può aver senso inserire forzatamente degli intervalli temporali quando si inquadra la scena successiva. “Passano un paio di settimane”, “Dopo un mese da questi avvenimenti”, “è passato un anno dall’ultima volta che…”, etc. etc. Questo talvolta crea il problema di come gestire eventuali attività che i giocatori potrebbero aver intrapreso nel frattempo. Il vostro gioco di scelta potrebbe avere regole apposite per gestire questo tipo di situazioni. Per es. D&D 5E ha delle regole per le attività di downtime che potreste voler sfruttare; Ars Magica prevede che i personaggi maghi spendano gran parte del loro tempo in complesse ricerche; Torchbearer e Pendragon inseriscono il passare delle stagioni nelle meccaniche di gioco. Se niente di tutto questo si applica al vostro gioco, il mio consiglio è di gestire la cosa nel modo più semplice e veloce possibile (a meno che l’attività in questione non sia il focus del gioco): astraete quanto più possibile in una singola prova di abilità, mossa o simili.

Concludendo

In questo post ho suggerito alcuni modi per inquadrare le scene. Questo non è un elenco esaustivo, ma quantomeno si tratta dei modi più comuni con cui io uso questa tecnica.

Come accennavo all’inizio, lo scene framing non è un qualcosa che si può insegnare – dipende molto dalla sensibilità e dal “talento” del GM per la gestione del gioco. Al massimo posso dire come lo faccio io, ma non è detto che lo faccia bene, o che il mio metodo funzioni per tutti i gruppi. Usare bene lo scene framing vuol dire anche essere in grado di capire intuitivamente quando è il momento concludere una scena e passare alla successiva; vuol dire avere una percezione intuitiva di quando è il momento di essere più aggressivi, e quando è il momento di essere più passivi; vuol dire essere in grado di azzeccare quello sweet spot che separa tra uno scene framing aggressivo e un railroad, e avere una comprensione intuitiva dei giocatori che avete davanti.

Si tratta più di un’arte che di una scienza; ma con la pratica si diventa più bravi.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s